Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Ripartono gli incentivi per le auto ecologiche

Incentivi auto

Il ministero Economico ha firmato il decreto riproponendo la formula dei contributi BEC per i veicoli a basse emissioni complessive.

Dal 6 maggio i venditori che si sono registrati o che lo eseguiranno nella sezione dedicata, potranno prenotare i contributi per rigirare poi al cliente sottoforma di maxi sconto.

Sono interessate tutte le auto ad alimentazione alternativa: elettrici, ibridi, a metano, biometano, GPL, biocombustibili, idrogeno, con emissioni, allo scarico, di CO2 non superiori a 120, 95 e 50 g/km. 

Sono escluse le auto a “km 0” in quanto la normativa stabilisce che il veicolo acquistato non deve essere già stato immatricolato in precedenza.  

L’incentivo si compone di due parti uguali:

  • contributo statale
  • sconto del venditore

I fondi sono così ripartiti:

  • 15% per l’acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti (e senza necessità di rottamazione), di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km
  • 35% per l’acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti (e senza necessità di rottamazione), di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km.
  • 50% per l’acquisto di veicoli destinati all’uso di terzi o utilizzati nell’esercizio di imprese, arti e professioni, e destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa, (dietro obbligatoria rottamazione di un corrispondente veicolo obsoleto), con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km.

Ricordiamo che i venditori e le case automobilistiche non sono obbligati a partecipare all’iniziativa e che quindi si possono rifiutare di applicare gli incentivi.  

 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.