Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Contributo di solidarietà

Contributo di solidarietà

L’INPS, con il messagio n. 4294/2014, rende noto che dal prossimo mese di maggio i pensionati titolari di un trattamento previdenziale superiore a 91.251,16 € subiranno un taglio sulla propria  pensione. 

La legge di stabilità ha avviato, a decorrere dal 1° gennaio 2014 e fino al 31 dicembre 2016, un contributo di solidarietà.

Il contributo di solidarietà, in particolare, scatta in caso di trattamenti lordi complessivamente superiori a quattordici volte il trattamento minimo (pari a 501,38 euro mensili), nel seguente modo:

  • da € 91.251,16 a € 130.358,80: 6%
  • da € 130.358,81 a € 195.538,20: 12%
  • da € 195.538,21 in poi: 18%.


Ai fini dell’individuazione della base imponibile sulla quale applicare il contributo, vengono presi in considerazione tutti i trattamenti obbligatori erogati sia dall’INPS che dagli Enti che gestiscono forme di previdenza obbligatorie.
Anche ai lavoratori iscritti alle gestioni previdenziali private e per le pensioni delle gestioni pubbliche, la trattenuta viene applicata a partire dalla rata di pensione di maggio 2014.


 

Hai trovato interessante l’articolo “Contributo di solidarietà”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Novità seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.