Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Novità fiscali: semplificazioni

semplificazioni

In attesa che il provvedimento, contenente le disposizioni in materia di semplificazioni fiscali sia esaminato e definitivamente approvato dalle Commissioni parlamentari, ecco le principali novità:

  • Dichiarazione dei redditi precompilata; 730 “precompilato” da parte dell’Agenzia delle Entrate, che dovrebbe essere disponibile in via telematica ai contribuenti già a partire dall’anno 2015. Nelle dichiarazioni del  2016 i dati disponibili che l’Anagrafe tributaria fornirà saranno integrati con quelli del Sistema Tessera Sanitaria, quindi acquisti di medicinali e prestazioni sanitarie.
  • Dichiarazione di successione; scompare l’obbligo di presentare la dichiarazione di successione quando l’eredità, devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta ha un valore non superiore a 100 mila euro e non comprende immobili o diritti reali immobiliari.
  • Riqualificazione energetica degli edifici: meno adempimenti per i lavori che proseguono per più periodi, eliminata la comunicazione da inviare all’Agenzia delle Entrate per i lavori ammessi alla detrazione sulla riqualificazione energetica degli edifici che proseguono per più periodi di imposta.
  • I rimborsi Iva fino a 15.000 euro non richiederanno alcun adempimento necessario. Per i contribuenti non a rischio, si sostituisce inoltre l’ormai nota garanzia fidejussoria con il visto di conformità alla dichiarazione o addirittura con il visto di conformità all'istanza con la quale si chiede il rimborso. A queste va però allegata la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.
  • Esercizio dell’opzione in dichiarazione; saranno espresse direttamene in dichiarazione le opzioni per la trasparenza, il consolidato nazionale e la tonnage tax: eliminate le dichiarazioni di volontà da esprimere preventivamente.
  • Comunicazione delle operazioni con Paesi black list; i dati relativi ai rapporti intercorsi con Paesi black list dovranno essere forniti con cadenza annuale, innalzando a 10.000 € il limite di esonero entro il quale non vi è l’obbligo di comunicazione dell’operazione.
  • Operazioni intracomunitarie; con le novità che saranno introdotte tutti i contribuenti saranno abilitati ad effettuare le operazioni intracomunitarie in sede di attribuzione della partita IVA.
  • Spese di rappresentanza; si introduce la possibilità di detrarre l’IVA sulle spese di rappresentanza sostenute per l’acquisto di beni di costo unitario non superiore a 50 euro, allineando così la soglia a quella prevista per la deducibilità degli omaggi ai fini reddituali. Eliminato il “valore limite” di 25,82 euro.
  • Allineamento definizione prima casa Iva - Registro; spariscono le distinzioni tra la nozione di “prima casa” valida ai fini dell’applicazione Iva ridotta e quella rilevante ai fini dell’imposta di registro. Saranno infatti da considerarsi sempre “prima casa” le abitazioni classificate o classificabili nelle categorie catastali diverse da quelle A1, A8, e A9, anziché in base ai criteri finora utilizzati .

 

Hai trovato interessante l’articolo “Novità fiscali: semplificazioni”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Politica Economica seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.