Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Italia messa in mora

UE

L’Unione europea ha aperto una procedura d’infrazione dei confronti dell’Italia a causa dei ritardi nei pagamenti dei debiti contratti dalla Pubblica amministrazione.
La Commissione europea spiega che il nostro Paese non avrebbe attuato la direttiva europea sui ritardi di pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese. Per questo motivo, l’organo governativo dell’Unione, ha deciso di inoltrarci, con procedura d’urgenza, la lettera di messa in mora per la violazione della normativa comunitaria, entrata in vigore nel marzo del 2013.
La procedura d’infrazione a noi indirizzata era stata proposta dal nostro connazionale Antonio Tajani, commissario Ue all’Industria.

Adesso all’Italia non resta che osservare le regole: rispondere alla lettera di messa in mora entro sessanta giorni. Se non dovessimo assolvere a tale compito, la Commissione passerà all’invio di un parere motivato, se l’esito dovesse essere negativo, Bruxelles avrà il diritto di portare il caso alla Corte di Giustizia della Ue. Quest’ultimo potrebbe decidere di disporre sanzioni contro l’Italia.

 

Hai trovato interessante l’articolo “Italia messa in mora”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Politica Economica seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.