Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Tasi: sanzioni e interessi

TASI

E possibile con il ravvedimento operoso pagare la Tasi in ritardo versando interessi e sanzioni anche se dal Ministero rassicurano che non ci saranno sanzioni.

In attesa dell’ufficialità ossia, un decreto o un provvedimento che confermi le parole del Ministero, lo scorso 16 giugno è stato l’ultimo giorno utile per il pagamento della prima rata dell’ Imu e della Tasi.

In attesa ecco le istruzioni generali per pagare la Tasi in ritardo  attraerso il ravvedimento operoso:

  • ravvedimento sprint: pagando la tassa entro 14 giorni a partire dal 17 giugno, si paga una sanzione ridotta dello 0,2% per ogni giorno di ritardo.
  • ravvedimento breve: pagando dal 15 al 30esimo giorno dalla scadenza, si paga una sanzione ridotta al 3% (1/10 del 30%).
  • ravvedimento lungo: pagando la tassa entro un anno  la sanzione è dovuta nella misura del 3,75% (1/8 del 30%).

Per il pagamento in ritardo della Tasi è sufficiente usare il modello F24 in cui le regole di compilazione sono quelle previste per pagare la prima rata ma andrà barrata la casella “Ravv” relativa al ravvedimento.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.