Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Equitalia: cartelle via Pec

Equitalia: cartelle via Pec

Equitalia ha annunciato che dopo le società di persone e di capitali, adesso anche le ditte individuali potranno controllare in tempo reale i documenti a loro inviati.

L’Ente fa sapere che l’inoltro di una comunicazione tramite Pec è equiparato ad una raccomandata postale con avviso di ricevimento ed è, quindi, opponibile a terzi.

Equitalia ha inoltre ricordato la possibilità per i contribuenti di poter rateizzare il proprio debito, oppure compensarlo o sospendere la riscossione.  

Oltre a ciò fa presente che le rateizzazioni degli importi possono essere suddivisi con la rateazione ordinaria in 72 rate mensili o con la rateazione straordinaria in 120 rate.

Per coloro che vantano dei crediti erariali o commerciali nei confronti della pubbliche amministrazioni è possibile procedere alla compensazione.

Il contribuente può, poi, chiedere a Equitalia la sospensione della riscossione se ritiene di non dover pagare le somme richieste.

Per di più Equitalia può iscrivere ipoteca solo nei confronti di chi ha debiti superiori a 20 mila euro, ma non può pignorare la prima casa di proprietà dove il contribuente risiede e può procedere sugli altri immobili solo per debiti elevati, superiori a 120 mila euro.

Hai trovato interessante l’articolo “Equitalia: cartelle via Pec”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Fisco e Tasse seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.