Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Contributi co.co.co.

contributi - la rete di clo
L'istituto di previdenza (INPS) da qui al prossimo 15 aprile elaborerà  e l'invierà gli atti di accertamento a carico di società e persone fisiche che non hanno provveduto a versare in tutto o in parte le ritenute a carico dei collaboratori. La diffida dà tempo tre mesi per pagare i contributi omessi, pena la denuncia di reato all'autorità giudiziaria. Lo stabilisce l'Inps nel messaggio n. 3981/2013. La legge n. 183/2010 prevede che l'omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali operate sui compensi di lavoratori iscritti alla gestione separata configura ipotesi di reato, la stessa già prevista per il mancato versamento delle ritenute operate nei confronti dei lavoratori dipendenti (legge n. 638/1983). In base alla data di entrata in vigore della legge n. 183/2010, il nuovo reato si applica a partire dalle denunce EMens di competenza del mese di novembre 2010. L'Inps spiega che la nuova disciplina è destinata a coloro che si avvalgono delle prestazioni di lavoratori i cui redditi sono assimilati a quello di lavoro dipendente, restano escluse tutte quelle tipologie di soggetti che, pur obbligati alla gestione separata, non sono elencati nella normativa fiscale, quali gli associati in partecipazione con apporto di solo lavoro o i titolari di borse di studio per dottorato di ricerca. È l'EMens che guida l'Inps nell'operazione di accertamento, per ora, precisa l'Inps, sono esclusi dall'accertamento le posizioni relative agli amministratori. La modalità di versamento indicata è con F24 in caso l'importo da versare è ancora in fase amministrativa e presso agente della riscossione nel caso in cui sia stato già emesso avviso di addebito o cartella di pagamento.

Hai trovato interessante l’articolo “Contributi co.co.co.”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Notizie Lavoro seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.