Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Congedo di paternità per dipendenti

congedo parentale - la rete di clo
Se confermata dal Parlamento, il disegno di legge approvato dal governo Monti, la nuova riforma del lavoro concederà tre giorni di congedo di paternità dopo la nascita di un figlio ai dipendenti italiani. Un congedo parentale obbligatorio per i padri italiani inserito nella riforma del lavoro messa a punto dal ministro del Welfare Elsa Fornero per recepire, a due anni di distanza, la direttiva europea n. 18 dell’8 marzo 2010. Questo significa che i papà, entro i primi 5 mesi di vita del bambino, avranno il diritto di richiedere tre giorni consecutivi di assenza dal lavoro senza decurtazione di stipendio. In Italia infatti non esisteva ancora una regolamentazione nazionale in tal senso, esisteva invece il congedo parentale facoltativo, ovvero la facoltà per entrambi i coniugi di stare a casa fino al compimento degli 8 anni da parte del bambino per periodi di tempo anche lunghi (per i padri tra 6 e 7 mesi) ma con decurtazioni dello stipendio (indennità fino al 30% concessa agli uomini solo fino ai 3 anni di vita dei figli). Il congedo di paternità obbligatorio in altri Paesi europei, soprattutto nel nord d’Europa, esiste già da molti anni.

Hai trovato interessante l’articolo “Congedo di paternità per dipendenti”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Notizie Lavoro seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.