Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Banche: a luglio prestiti in crescita

Prestiti in crescita
A luglio le banche hanno registrato sui dodici mesi un tasso dei prestiti in crescita e un tasso di raccolta in frenata. A diffondere i dati è la Banca d'Italia. Il tasso di crescita sui dodici mesi dei prestiti al settore privato, infatti, è stato pari allo 0,5% (in aumento rispetto allo 0,2% a giugno). Il tasso di crescita dei prestiti alle famiglie si è attestato allo 0,6% (0,8% nel mese precedente). I prestiti alle società non finanziarie sono diminuiti dell'1% rispetto all'anno precedente (erano scesi dell'1,5% a giugno).
Sempre a luglio i depositi del settore privato sono cresciuti del 2,2% su base annua (2,9% a giugno). Il tasso di crescita sui dodici mesi della raccolta obbligazionaria è stato pari al 13,5% (12,5% nel mese precedente).
La Banca d'Italia comunica poi che nel mese i tassi d'interesse sui nuovi prestiti erogati alle società non finanziarie sono leggermente aumentati (3,61% rispetto al 3,53% di giugno).
I tassi d'interesse, comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono stati pari al 4,23% (4,18 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 9,71% (9,80 a giugno). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari all'1,24% (1,23% a giugno).

Hai trovato interessante l’articolo “Banche: a luglio prestiti in crescita”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Economia e Finanza seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.