Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

TASI: inquilino e proprietario

proprietario e affittuario

Per gli immobili locati la Tasi viene distribuita tra il proprietario e chi invece di fatto vive nella casa. E’ il Comune a stabilire in che quota ognuno dei due soggetti, è obbligato. Quindi è come se si trattasse di due Tasi distinte che insistono sullo stesso immobile.

Questa precisazione è importante in tema di obbligazione: ognuno dei due è responsabile solo per la sua quota. La legge infatti non prevede alcun principio di solidarietà da parte del proprietario. Non è quindi il proprietario a dover rispondere di una eventualità morosità degli inquilini nel pagamento della Tasi, ovviamente nella misura che a loro compete.

La Tasi prevede una quota spettante al proprietario di casa e una parte residua, compresa tra il 10 e il 30% a seconda di quanto stabilito dai Comuni, riservata agli inquilini. I due versamenti vanno eseguiti indipendentemente. Proprietario e inquilino effettueranno il pagamento con distinti modelli F24.

Hai trovato interessante l’articolo “TASI: inquilino e proprietario”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Notizie Fisco seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.