Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Rischio povertà un italiano su quattro

Povertà
Il calo del Pil registrato ieri dall’Istat non è che la conferma della situazione di incertezza generale e delle sempre maggiori difficoltà degli italiani ad arrivare a “fine mese”.
Per il quinto trimestre consecutivo si è registrato un calo del prodotto interno lordo. Crolla la produzione industriale.In difficoltà anche le industrie: a ottobre si è registrato un calo dell’1,1% rispetto a settembre.
L’Istat ha calcolato, inoltre, che il 28,4% degli italiani è a rischio povertà o esclusione sociale, il che significa oltre un quarto della popolazione. Nel 2011, rispetto all’anno precedente, si è registrato un aumento della percentuale di persone a rischio povertà, dal 18,2% al quota 19,6%, e di quelle che vivono in forti ristrettezze economiche, dal 6,9% all’11,1%.
Le famiglie maggiormente a rischio sono quelle più numerose e/o quelle che hanno un basso numero di percettori di reddito. In particolari condizioni di disagio le famiglie monoreddito, formate da persone anziane o da monogenitori, specie se con più figli. Le difficoltà aumentano per i lavoratori dipendenti e i pensionati: quest’ultima categoria nel 2011 ha registrato i più evidenti segni di peggioramento.


Hai trovato interessante l’articolo “Rischio povertà un italiano su quattro”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Politica Economica seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.