Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

L'amministrazione tributaria può tassare le movimentazioni bancarie non giustificati

Movimenti bancari
Nella Sentenza n. 4688 del 23 marzo 2012, la Corte di Cassazione ha riconosciuto come legittimo l'accertamento effettuato dall'Amministrazione tributaria sulla base delle presunzioni fondate sulle movimentazioni bancarie del contribuente.
Secondo tali presunzioni devono essere considerati come ricavi i versamenti ed i prelevamenti dei quali il contribuente non riesca a dare adeguata giustificazione.
In particolare, ogni accredito nel conto corrente bancario equivale a ricavo che aumenta il reddito, in mancanza di prova contraria. Inoltre, anche i costi relativi ad acquisti non documentati devono considerarsi ricavi operando la presunzione di operazioni non fatturate.
I versamenti, quindi, che non trovano riscontro in contabilità devono, secondo la conclusione della Suprema Corte, essere pienamente tassati quali ricavi.
 

Hai trovato interessante l’articolo “L'amministrazione tributaria può tassare le movimentazioni bancarie non giustificati”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Fisco e Tasse seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.