Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Incentivi alle assunzione

durc
Tra le novità della Riforma del lavoro ci sono anche gli incentivi all’assunzione, ossia sconto del 50% sui contributi previdenziali per 36 mesi, di disoccupati o in Cassa integrazione guadagni straordinaria da almeno 24 mesi e di lavoratori in mobilità, purché i nuovi assunti non sostituiscano dipendenti licenziati dalla stessa azienda per giustificato motivo oggettivo, riduzione del personale o sospesi.
Per ricevere gli incentivi, il datore di lavoro deve essere in regola con il DURC: l’interessato deve presentare autocertificazione, alla direzione territoriale del Ministero del Lavoro, sull’inesistenza di provvedimenti a suo carico relative alle violazioni nell’Allegato A del Decreto, o il decorso del tempo indicato da ciascuna violazione.La stessa comunicazione va inoltrata all’INPS per l’applicazione degli incentivi.
Se le comunicazioni obbligatorie sono effettuate in ritardo, si perdono gli incentivi in misura proporzionale al periodo compreso tra la decorrenza del rapporto agevolato e la data in cui, seppur tardivamente, si effettua la comunicazione.

Il diritto all’incentivo decade per assunzioni che violano il diritto di precedenza, se l’assunzione è frutto di un obbligo precedente e se con il lavoratore avente già un diritto di assunzione viene offerto un contratto di somministrazione.
Niente incentivi neppure per riassunzione di un lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o rinveniente da un contratto scaduto nei sei mesi precedenti alla riassunzione: il nuovo e il vecchio datore di lavoro non devono presentare assetti proprietari coincidenti in maniera sostanziale o avere rapporto di collegamento o controllo.
Lo sgravio fiscale del 50% per 36 mesi diventa totale (100%) per le imprese artigiane e per quelle del Mezzogiorno.
Gli incentivi saranno applicati alle assunzioni, trasformazioni e proroghe effettuate fino al 31 dicembre 2016, mentre gli incentivi per l’assunzione dei lavoratori in mobilità in seguito al licenziamento individuale valevano solo per assunzioni, proroghe e trasformazioni fino al 31 dicembre 2012.




Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.