Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il prezzo delle Azioni chi lo determina?

Il prezzo delle Azioni
Nel considerare l’andamento del mercato azionario alla fine di una giornata di negoziazione può essere arduo stabilire il motivo per cui i valori delle azioni siano aumentati piuttosto che diminuiti.
I prezzi delle azioni vengono influenzati da notizie o da informazioni: nuovi dati occupazionali, manifatturieri, informazioni sull'internal dealing, avvenimenti politici o persino i dati sulle condizioni meteorologiche, notizie di ogni genere possono incidere sull’andamento dei titoli.
Tuttavia, a volte viene riscontrato un limitato movimento in caso, per esempio, di uno scostamento nei tassi di interesse. Questo è perché gli investitori cercano di anticipare quanto sta per succedere nei prossimi mesi e di inserire o rimuovere tali azioni dai propri portafogli prima che il resto del mercato se ne accorga. Può succedere, ovviamente, che queste attese risultino errate e, in tal caso, i mercati possono muoversi molto bruscamente.
Per operare con successo nel mercato azionario è necessario sapere quali notizie siano osservate dagli altri investitori ed il modo in cui le vedranno.

La salute dell’economia globale incide in maniera fondamentale sui prezzi azionari essendo l’ultimo fattore responsabile per la crescita degli utili aziendali. Se l’economia è in fase di crescita, gli utili aziendali miglioreranno ed aumenterà il valore attribuito alle azioni. Se l’economia è in fase di indebolimento, gli utili aziendali diminuiranno ed i prezzi azionari scenderanno.
Ad esempio un dato da prendere in considerazione è il PIL (Prodotto Interno Lordo).
Gli investitori esaminano un’enorme quantità di dati, per tentare di calcolare i prossimi avvenimenti nell’ambito dell’economia e spostare i propri portafogli prima che tali avvenimenti si verifichino. Per questo motivo spesso si vedono movimenti nei mercati molto prima che un fatto effettivamente si verifichi. Per esempio, può esserci poca reazione dal mercato azionario in seguito ad un rialzo dei tassi di interesse. Questo è perché gli investitori hanno già previsto lo scostamento mesi prima ed hanno rettificato i propri portafogli in anticipo.
Nel considerare i dati economici, occorre pensare non soltanto quale sarà l’impatto sull’economia in senso lato, ma se l’impatto sarà maggiore su determinati settori rispetto ad altri. Un rialzo dei tassi di interesse, per esempio, sarà spesso negativo per i costruttori edili dal momento che riduce la propensione all’indebitamento da parte della gente. Spesso incide anche sui rivenditori al dettaglio perché la gente spende meno. Tuttavia, di solito non incide sulle società farmaceutiche, dal momento che la domanda per le medicine da parte del pubblico non subisce l’influenza della congiuntura economica.
In caso di società i cui profitti sono strettamente legati alla salute dell’economia si parla di titoli ‘ciclici’. Le imprese sulle quali i movimenti congiunturali incidono poco vengono chiamate titoli ‘difensivi’. Se la congiuntura economica peggiora, spesso gli investitori si spostano dai titoli azionari ciclici verso quelli difensivi.

Incide molto sulle quotazioni azionarie anche il modo in cui gli investitori interpretano le notizie divulgate dalle società. Se, per esempio, una società lancia un avvertimento sulla difficile situazione aziendale, spesso si vedrà un calo nel valore delle azioni. Se invece un consigliere acquista azioni nell’azienda, potrebbe indicare un miglioramento delle prospettive della società.
I “Comunicati Price Sensitive” sono gli annunci che le società quotate e i soggetti che le controllano devono diffondere in presenza di un'informazione privilegiata, cioè di una notizia non di pubblico dominio che riguarda la società quotata o il relativo gruppo e che un investitore ragionevole utilizzerebbe ai fini delle proprie decisioni di investimento in quanto idonea ad incidere sensibilmente sul prezzo degli strumenti finanziari. Gli ultimi 15 Comunicati Price Sensitive sono disponibili gratuitamente sul sito previa registrazione.
Bisogna cercare di ragionare in modo laterale sulle informazioni ricevute. Se, per esempio, il concorrente di un’azienda partecipata produce un nuovo prodotto rivoluzionario, è probabile che incida sui profitti dell’azienda partecipata stessa. Occorre altresì considerare l’impatto che avrà sui fornitori di tale impresa. Un aumento delle vendite di telefoni cellulari con fotocamera incorporata non sarà positivo soltanto per la società di telefonia ma anche per le ditte fornitrici della tecnologia incorporata nei telefoni.
Anche le acquisizioni incidono molto sulle quotazioni. Questo è dovuto al fatto che gli investitori si aspettano il riconoscimento di un sovrapprezzo a favore degli azionisti da parte dell’offerente.

Anche gli studi prodotti da analisti indipendenti incidono sulle quotazioni azionarie. Se, per esempio, un analista varia la propria raccomandazione da ‘vendi’ a ‘compra’, spesso il valore delle azioni salirà. Gli studi degli analisti vengono prodotti soprattutto dalle banche d’affari per investitori professionali, sebbene alcuni agenti di cambio mettano i loro studi a disposizione degli investitori privati. Il sito di Borsa Italiana rende disponibili gli Studi e le Ricerche pubblicati dagli intermediari finanziari sulle società quotate ai sensi della disciplina vigente di Consob e di Borsa Italiana.
Occorre tener presente che la raccomandazione attribuita da un analista ad una società inciderà molto velocemente sulla relativa quotazione e può diventare irrilevante nel giro di poche ore. Questo perché l’analista normalmente attribuisce ad un titolo la raccomandazione ‘compra’ entro una particolare fascia di prezzo. Laddove il prezzo superi gli obiettivi stabiliti, i miglioramenti attesi dall’analista potrebbero diventare ‘priced in’ e quindi non vale più la pena di comprare i titoli in questione.
Tuttavia, vale sempre la pena di leggere gli studi degli analisti, anche laddove la raccomandazione sia superata. Gli studi normalmente contengono molte informazioni utili sulla società e sull’andamento dei suoi affari. Inoltre, spesso considerano il valore complessivo dell’azienda nei confronti dei concorrenti.

Le quotazioni azionarie possono salire e scendere per svariati motivi tecnici che possono non avere nulla a che fare con l’effettiva prospettiva della singola società o con le previsioni di mercato.
Per esempio, spesso succede che le quotazioni azionarie riscendono dopo un forte recupero. Questo avviene perché gli investitori usano il concetto del take profit su alcuni dei titoli il cui valore è salito, a tutela dei propri guadagni nel caso le azioni cominciassero a riscendere. Spesso gli investitori lo definiscono il rafforzamento del mercato (market consolidation).analisi tecnica
Le quotazioni azionarie possono altresì essere influenzate dagli investitori che fanno uso dell’analisi tecnica per guidare le loro tecniche di investimento. L’Analisi tecnica è semplicemente lo studio dell’andamento storico delle quotazioni azionarie e delle tendenze storiche degli indici di borsa, che vengono poi utilizzati per prevedere il comportamento futuro delle azioni e dei mercati azionari. Borsa Italiana ospita una sezione di Analisi Tecnica sia per le azioni dei segmenti Blue Chip e STAR che per gli ETF.
Anche i market maker possono incidere sull’andamento delle quotazioni. Per esempio, se non possiedono azioni sufficienti per quadrare i loro portafogli dovranno comprarne delle altre. I market maker influenzano altresì le quotazioni se il mercato appare fiacco, riducendo i prezzi per attirare compratori.




Hai trovato interessante l’articolo “Il prezzo delle Azioni chi lo determina?”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Economia e Finanza seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.