Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Foreign Exchange Market

Forex
Il Foreign Exchange Market più noto come Forex o mercato delle valute è il più grande mercato del mondo.
Già nell’aprile del 2010 gli scambi su questo mercato avevano raggiunto i 4.000 miliardi di dollari al giorno! Si tratta di una montagna di denaro pari a più di un quarto di tutto il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti di quello stesso anno e ben oltre il doppio del Pil italiano del 2010.
Queste somme vengono scambiate sul Forex in maniera continua dal lunedì mattina al venerdì sera in ogni angolo del globo e su tutti i mercati. Si tratta dunque di un mercato che non si ferma mai, con l'eccezione del sabato e della domenica. Al riguardo, però, va anche sottolineato che i listini di Tel Aviv e Abu Dhabi sono aperti la domenica e fanno dunque eccezione anche all'interruzione del fine settimana per il resto globalmente rispettata.
Questo flusso enorme e continuo di denaro consente le variazioni immediate e continue dei rapporti tra le monete e stabilisce quindi in ogni istante quanti dollari o yen (per esempio) vale un euro. In un certo senso è un mercato perfetto perché i volumi sono così elevati che difficilmente può essere alterata la dialettica tra domanda e offerta. Per altri versi la struttura decentrata e non perfettamente regolata del Forex rende questo scambio continuo assai incerto.
L’intima natura del Forex è infatti Over the counter ossia è priva di quei meccanismi di standardizzazione e trasparenza tipici dei mercati regolamentati come Borsa Italiana o il Nyse a Wall Street. Quando nel 2006 il Chicago Mercantile Exchange e Reuters tentarono di imporre un mercato centrale regolato con una cassa di compensazione fallirono miseramente. In pratica i contratti vengono scambiati direttamente tra parti senza una piattaforma di contrattazione che standardizzi i contratti stessi, garantisca i prezzi e il rischio di controparte.
Esiste però una piazza che domina sulle altre: è quella di Londra con più di un terzo degli scambi globali. Seguono New York (17,9% del mercato valutario mondiale), Tokyo (6,2%), Singapore (5,3%), Svizzera (5,2%) e Hong Kong (4,7%).
La nascita di questo mercato è avvenuta intorno agli anni Settanta con il crollo del sistema di Bretton Woods. Proprio il giorno di ferragosto del 1971 l’Amministrazione Nixon interrompeva unilateralmente la convertibilità del dollaro con l’oro e avviava l’epoca delle libere oscillazioni delle monete di cui è figlio il Forex.
Il tipo di contrattazioni più diffuso è quello dei Foreign Exchange Swap che registra scambi giornalieri per 1.765 miliardi di dollari. Seguono i contratti spot (ossia con regolazione del contratto a due giorni o nel giorno lavorativo successivo) che si oppongono ai contratti future tipicamente a scadenza di tre mesi. Questo mercato “immediato” da solo copre 1.500 miliardi di dollari di scambi al giorno sui 4 mila complessivi del Forex. A distanza vengono gli outright forward (475 miliardi di dollari) e la categoria opzioni e altri prodotti (207 miliardi di dollari). Restano infine i currency swap che ammontano a 43 miliardi di dollari di contratti scambiati quotidianamente.
Le oscillazioni dei cambi tra le valute rispondono a una serie articolatissima di variabili tra le quali vanno ricordati i fattori macroeconomici dei paesi con un mercato nella valuta in questione (per esempio prodotto interno lordo, bilancia dei pagamenti, debito pubblico e altro ancora) o anche fattori di politica monetaria (un innalzamento dei tassi d’interesse praticati da una banca centrale farà crescere il “valore” della valuta emessa dalla stessa banca centrale).

Hai trovato interessante l’articolo “Foreign Exchange Market”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Economia e Finanza seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.