Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Famiglie italiane: ricchezza diminuita, indebitamento contenuto

Ricchezza famiglie italiane
Le famiglie italiane risentono della recessione in atto e la loro ricchezza è diminuita ma il loro indebitamento rimane contenuto. Lo afferma la Banca d'Italia nel rapporto sulla stabilità finanziaria. Giovano i bassi tassi di interesse sui mutui in essere e la tenuta dei prezzi delle case. I rischi arrivano dalla debole dinamica dei redditi.
Banca d'Italia sottolinea come nei primi nove mesi del 2011 la ricchezza netta delle famiglie sia diminuita a causa della diminuzione dei prezzi delle attività finanziarie mentre quella reale è rimasta stabile. I debiti finanziari, si legge nel rapporto, rimangono bassi nel confronto dei principali paesi mentre non si profilano rischi di bolla immobiliare con una sostanziale stabilità dei prezzi del mercato anche se il numero di compravendite continua a scendere.
A limitare la vulnerabilità finanziaria delle famiglie concorre poi il basso livello dei tassi di interesse sui mutui in essere. Nel 2011 i costi per i pagamenti dei debiti sono rimasti "stabili all'11% del debito disponibile" mentre per il 2012 si profila un lieve aumento visto il calo del reddito e una leggera risalita dei tassi.

Hai trovato interessante l’articolo “Famiglie italiane: ricchezza diminuita, indebitamento contenuto”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Investimenti finanziari seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.