Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Avviare un’attività di commercio online

e-commerce

Le commercializzazione di beni e servizi, la distribuzione online di contenuti digitali, l'effettuazione di operazioni finanziarie e di Borsa, gli appalti pubblici per via elettronica e altre procedure transattive della PA si possono racchiudere con il termine e-commerce.

La vendita si concretizza tramite piattaforma web, dove il venditore carica il catalogo prodotti o servizi e il compratore può consultarli online, scegliendo i prodotti da acquistare e inviando l’ordine. A seconda del tipo di cliente si parla di:

  • B2C azienda che vende a un privato: Business to Consumer
  • B2B azienda che vende a un’altra azienda: Business to Business

La Direttiva 2000/31/CE stabilisce che si può avviare un e-commerce senza autorizzazioni preventive (fermi restando i requisiti professionali per lo svolgimento di specifiche attività).

Un giovane che lavora in maniera autonoma e offre prestazioni occasionali via Internet può esercitare libera attività fino a 5.000 euro l’anno di ricavi, rilasciando ricevuta con l’indicazione di prestazione occasionale ai sensi dell’articolo 67 lettera i) del DPR 917 del 1986.
La ricevuta sarà soggetta a ritenuta d’acconto del 20% e, nel caso di compensi superiori a 77,47 euro, a imposta di bollo. Oltre 5.000 euro è necessario aprire Partita IVA e iscriversi alla Gestione Separata INPS.

Per avviare un’attività vera e propria è necessario costituire una società ed effettuare l’iscrizione alla Camera di Commercio e presentare la SCIA allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune nel quale si intende avviare l’attività. Necessario inoltre comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo del sito Web, i dati identificativi dell’Internet Service Provider, l’indirizzo di posta elettronica, il numero di telefono e di fax. La vendita a operatori economici di altro Paese UE prevede anche l’iscrizione nella banca dati VIES.

I costi amministrativi riguardano il pagamentoento dei diritti di segreteria al Comune ove si presenta la SCIA, qualche centinaio di euro per l’apertura della Partita Iva e per il diritto annuale della Camera di Commercio.

Chi avvia un e-commerce deve mettere in bilancio la piattaforma che permette di svolgere l’attività. Questa spesa può anche arrivate a migliaia di euro e includere l’acquisto del servizio di hosting, la prestazione di programmatori e web designer, l’acquisto di hardware, software e backup. In opzione, esistono soluzioni a basso costo in cui si acquistano pacchetti pronti e completi.

Al cliente che effettua l’acquisto compilando l’ordine ed eseguendo il pagamento, l’impresa invia la merce ed emette fattura.

Nel caso si tratti di vendite a consumatori finali, le imprese sono esonerate dall’obbligo di emissione della fattura salvo richiesta, così come da scontrino e ricevuta fiscale. Il venditore dovrà annotare i corrispettivi giornalieri nel registro dei corrispettivi.

 

Hai trovato interessante l’articolo “Avviare un’attività di commercio online”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Novità seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.