Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Diritto di recesso

Diritto di recesso

Dal 14 giugno entreranno in viogre le nuove disposizione in materia di vendite a distanza o fuori dai locali commerciali. Per vendite a distanza si intendono quelle effettuate tramite pc, telefono o catalogo; fuori dai locali commerciali sono quelle al domicilio del consumatore, nelle aree pubbliche o aperte al pubblico.

Per questi contratti il consumatore avrà più tempo per esercitare la facoltà di ripensamento e se si tratta di contratti telefonici il venditore sarà obbligato a far confermare per iscritto l’offerta al consumatore.  Il diritto di recesso entro quattrordici giorni contro i dieci di adesso decorreranno dalla stipula del contratto per l’acquisto di servizi o da quella di ricevimento in caso di merci; questo termine sale a un anno e 14 giorni se il consumatore non è stato debitamente informato sul suo diritto.

Il venditore ha l’obbligo di rimborsare le somme ricevute, eventualmente comprensive delle spese di consegna, entro 14 giorni e non oltre 30 giorni da quando è venuto a conoscenza del diritto di recesso effettuato dal consumatore. Tuttavia l’impresa può trattenere tali somme finché non abbia ricevuto i beni in restituzione, o almeno finché il consumatore non abbia dimostrato di averli rispediti.

Nelle offerte commerciali per telefono il consumatore è vincolato al contratto solo dopo aver firmato l’offerta o averla accettata in forma scritta. La semplice comunicazione telefonica non basta.

 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.