Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Deducibilità costi dell’auto aziendale

L’auto aziendale utilizzata dall’amministratore può essere concessa in uso esclusivamente personale, esclusivamente aziendale o promiscuo. Nel primo caso contribuisce al reddito imponibile (calcola le tasse su fringe benefit) e la società potrà dedurre i costi relativi alla parte che non supera il benefit. Nel secondo la società può dedurre i costi secondo i termini indicati dal DPR 917/1986. Nel terzo l’azienda deve dedurre totalmente il benefit e il 20% della parte eccedente, come previsto dall’art. 164, co. 1, lett. b) del citato DPR. 917/1986. Se l’amministratore utilizza la propria auto per motivi di lavoro, non deve integrare nel reddito imponibile il rimborso ottenuto per le spese di viaggio, vitto e alloggio relative a prestazioni lavorative effettuate fuori dal comune di residenza. Per ottenere il rimborso è necessario che l’amministratore sia stato autorizzato per iscritto dalla società.  L’amministratore è tenuto a presentare una nota spese dettagliata con data, motivo del viaggio, chilometri percorsi e importo della richiesta di rimborso riferiti a ogni viaggio. Dopo essere stato rimborsato, deve fornire una ricevuta con marca da bollo.

Hai trovato interessante l’articolo “Deducibilità costi dell’auto aziendale”?

Nelle diverse sezioni del portale, puoi trovare news ed approfondimenti per comprendere meglio il contesto in cui viviamo.

Fisco e finanza, economia, lavoro ed attualità: come nel caso della categoria Fisco e Tasse seleziona quella di tuo interesse e non perdere gli articoli che abbiamo selezionato per te, scoprili subito.
Buona lettura!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. La rete di clo: il portale delle aziende italiane non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.